W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Spray, piselli e stelle [#12]

Posted by on Mag 1, 2011 in Eddai | 7 comments

Molti anni fa, a quest’ora, ero a Roma, al concertone. A quell’epoca il primo maggio era caldo, c’erano ancora le mezze stagioni e si stava meglio anche se si stava peggio.

Oggi è autunno, solo che dagli alberi cadono le foglie e pure i fiori, i frutti tra un po’. Dov’è che volevo arrivare? Ah sì, ecco, io volevo fare un pic nic sull’erba ma, a meno che non optiamo per una sana lotta nel fango che rinvigorisce i toni muscolari e fa bella la pelle, il pic nic non ci sarà e allora primomaggio vattenaffanGulo.

Ah, poi volevo dire anche un’altra cosa. Io vi ringrazio, lettori del mio blog, anche quelli che non mi commentano mai e non mi laicano mai, vi ringrazio tutti, ma proprio sinceramente. Quando qualcuno mi dice “oh, lo sai che leggo sempre il tuo blog?” a me mi viene di abbracciarlo e riempirlo di baci e grazie, ovviamente adesso che conoscete la mia reazione, mai più nessuno si sognerà di dirmi che legge il mio blog, ma è un rischio che ho voluto correre.

Oggi è festa, ma la rubbbrichétta c’è. Eccovela.

1. Un po’ di tempo fa, ho postato il video di come si realizzano i mappamondi industriali. Oggi è il turno delle bombolette spray.

2. Dominic Wilcox è un pazzo. La sua ultima invenzione (se vogliamo chiamarla così) è il Finger Nose. Chi ha uno smartphone touch screen sa benissimo quanto sia difficile fare qualsiasi cosa con una sola mano…tipo se stai in giro e piove e in una mano hai l’ombrello, non puoi inviare messaggi o rispondere al telefono senza fare contorsionismi e peripezie. Col finger nose diventa tutto più semplice. Solo per gente che non ha paura di essere osservata (o internata).

fingerNel suo blog, Variations on normal, altre “invenzioni” utilissime, come i piselli cubici.

peas3.  Mi sono sempre piaciute le cose double-face, multiformi, multitasking, trasformabili, poliedriche, versatili. Questo divano, del designer Emanuele Magini, è semplicemente gegnale.

divano1divano divano2divano3   divano4

4. No, ecco, beh, ammè quando mi fanno questi scherzi, io mi incazzo. Non è giusto. Ho visto questo video e già stavo contando i soldi nel porcellino perché volevo comprarmi questo bellissimo, comodissimo e piccolissimo caravan da scooter. Poi scopro che era solo un cavolo di  fake per pubblicizzare delle motorette ecologiche (orrende tra l’altro). Farò una denuncia all’associazione consumatori, oh.

 

5. Questo invece non è un fake, il festival del pene esiste davvero ed è in…vabbè, che ve lo dico a fare.

 

Un articolo dettagliato e altre foto del grande evento su Viceland.com.

6. Spero non abbiate il boccone in bocca in questo momento. A volte l’arte fa vomitare. Il progetto è di Millie Brown, artista newyorkese.

 

7. Ho trovato la mia casa. Per ora sta sulla costa atlantica della Nuova Scozia, ma ho già contattato il tipo e ha detto che con un piccolo supplemento sul prezzo, me la invia a Macerata nel giro di un paio di giorni.

Martin-Lancaster-House-580x385 Martin-Lancaster-House-Court-580x873Martin-Lancaster-House-Main-580x354Martin-Lancaster-House-Panoramic-580x180Martin-Lancaster-House-Kitchen-580x555 Martin-Lancaster-House-Kitchen--580x385 Martin-Lancaster-House-Living-Room-580x3858. Per rilassarvi ma anche per guardare cose che forse dal vivo non vedrete mai (evviva l’ottimismo). Terje Sørgjerd, fotografo svedese, ha fotografato la via lattea in uno dei posti in cui si vede più meglio assai: la montagna di El Teide, in Spagna.

 

Buona domenica e buon primomaggio attutti!

7 Comments

  1. la casa e il divano li voglio anch’io! :)

    • Mio marito ha detto le stesse cose, ve li dovrete contendere con un duello in arena, io e Sara decreteremo il vincitore in una sfida all’ultimo sangue.

      • Ci sto per il duello. Ma cavolo, questo post è l’esaltazione della malattia mentale … mentre i nostri uomini si contendono il divano, noi potremmo visitare il festival del pene, a ‘sto punto.

        • Sara, mi sembra un’ottima idea, poi potremmo mangiare piselli cubici e vomitarli su una tela. ;)

  2. Anche se non ti laiko mai, faccio pare del tuo inclito pubblico e per tua stessa ammissione sono amabile di default.
    Quindi posso parlar male di te senza pericolo di essere bannato a vita.
    La casa dei tuoi sogni fa VERAMENTE schifo!!!
    Di solito le case finitura cemento non sono scozzesi ma pugliesi, abusive e ici-esenti. La presenza di meteoriti in giardino non è salutare, e per pulire i finestroni non basta un tir di vetril.
    E’ piu’ ‘due cuori una capanna’ la rulottina da motoretta.

    • Ma è in legno! :
      Io non sono per “due cuori e una capanna”, io voglio QUELLA casa tutta per me (o almeno un piano). E cmq se avessi quella casa avrei come minimo una ventina di filippini (non me ne vogliano, ma mi sono venuti in mente così) che girano per le stanze in pattine e grembiulino con i volant.:)

  3. non c’è niente da fare, quelli che vomitano sono sempre i miei preferiti O_o
    Anzi, adesso vado a scrivere un altro commento altrove sul vomito.
    Che bello ^^

Trackbacks/Pingbacks

  1. Lana, interruttori e proiettili d’acqua « Claudiappì - [...] Magic Carpet. Non vola, ma è l’unica cosa che non fa questo tappeto. È quasi bello come il divano…
  2. Gomme, occhi e tazzine « Claudiappì - [...] Vi avevo parlato, tempo fa, del divano in  feltro di Emanuele Maggini. Anche Hush di Freyja Sewell è una…

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: