W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Claudicante, zoppo

Posted by on Ott 7, 2011 in Me, myself | 23 comments

È tempo di cambiamenti. No, non è vero, non è cambiato niente, stavo solo facendo le prove per quando sarà davvero tempo di cambiamenti, perché i cambiamenti prima o poi arrivano, come il Natale, come la menopausa, come la voglia di fare un figlio, per dire. Sì, arriva pure quella, prima o poi. Voi siete lì, nel reparto surgelati, indecisi se comprare gli spinaci in foglia o a cubetti, che passa una bambina bellissima, con gli occhioni verdi, i capelli ricci e le gambotte. Vi sorride. Cominciate a pensare chissà se somiglierebbe a lei…anch’io ho gli occhi verdi, i capelli ricci (sotto millemila piallate di piastra) e le gambotte. Ecco, da quel momento, dal momento in cui un pensiero del genere vi distoglie dagli spinaci, è finita. Cioè, io direi che potete già passare in libreria a comprare il libro dei nomi.

Ora, per togliere ogni possibile dubbio ed evitare che, cinque minuti dopo la pubblicazione di questo post, amici e parenti mi chiedano quando avverrà il lieto evento, dico che no, la bambina con le gambotte è passata più in là, nel banco latticini, e che io ho scelto tranquillamente i miei cubetti di spinaci.

Però il libro dei nomi ce l’ho. In realtà, il libro dei nomi mi ha sempre affascinato. A casa dei miei ce n’era uno piccolino, tutto ingiallito dal tempo, e mi piaceva sfogliarlo e guardare i significati dei nomi e leggere gli onomastici. È lì che ho scoperto cosa significasse Claudia.

Claudia: claudicante, zoppo. Così c’era scritto. Senza mezzi termini. Che uno ci rimane male, soprattutto a sei anni, e che diamine! Allora sono andata alla esse, ho scorso col ditino Sabrina, Salvatore, Sante e sono arrivata a Sara, mia sorella. Sara: principessa, signora. Così c’era scritto. No, vorrei vedere voi. Voglio dire, se mi avessero chiamato Lucia, come mia nonna, avrei letto luminosa e lucente che, con tutto il rispetto per gli zoppi, ma sono aggettivi che mi si addicono di più. Ma insomma, anche Filomena, come l’altra nonna. Filomena significa fedele all’amore e all’amicizia. Beh, vabbè, meglio luminosa e lucente.

Avrei solo avuto dei problemi col nome del blog. Luciappì e Filomenappì cacofonano.

Postscriptum. Ho creato la pagina di questo blogghe sul faccialibro. È che molti blog ce l’hanno e io sono copiona. Se vi piace il blog, se vi piaccio io, se non avete di meglio da fare per i prossimi 5 secondi, il box per aderire alla schiera di persone fighe a cui piace questo blog è in fondo a destra, come tutti i cessi che si rispettino.

23 Comments

  1. No, no Filomenappì è terribilerrimo…suona meglissimo claudiappì…che poi una si mette i tacchi e non claudica, ecco ;-)

    • Se claudichi, magari ti metti un tacchetto solo da una parte, tipo le zeppole sotto ai tavoli traballanti :)

  2. Puoi comunque considerarti l’eccezione che conferma la regola del nome Claudia. :-)

    • E ‘nzomma, comincio ad avere i miei acciacchi :P

  3. Io significo Libero, poi lascia stare che mia madre è una despota a tre teste.

  4. E io allora? Che significo valente, in piena salute??? Da quando ho 9 anni soffro di reumatismi (quindi quando piove soffro come un cane), ho già avuto una colica renale entro i 23 anni, soffro di sinusite cronica e ho allergie a un po’ di roba. Bah…

    • Tutto d’un tratto, il nome Claudia non mi sembra poi così tanto male :)

  5. Beh dai Luciappì non sarebbe suonato male ;) Ma cavoli……io ti immagino davvero da piccola nel momento in cui scopri il significato del tuo nome ahahahah poverinaaaaa ci sarai rimasta malissimo!!!
    Per la cronaca: Roberto = splendente di gloria……..boh…sarà…..

  6. mi guardi il significato di Alice? Adesso sono curiosa!

    • Alcuni dicono “di bell’aspetto”, altri “creatura marina” :P

  7. Io sapevo che claudia voleva dire “parte della gens claudia”, ovvero dell’aristocrazia romana! :-)
    Cmq, mi ci sono rivista in quella scena da supermercato, sai?

  8. Mi sento molto vicino ai quello che scrivi in questo post. Anche io scelgo sempre i cubetti, alla fine.

  9. il miglior libro dei nomi, secondo me sono le pagine bianche. Il divertimento è assicurato

  10. (comunque siamo veramente tutti persone fighe) quello mi sembra il classico libro da lasciare sullo scaffale della libreria! Se invece te lo sei trovata in casa.. sei stata sfortunata O.o

    • Ehm sì, me lo sono trovato in casa dopo averlo sbadatamente preso da uno scaffale della libreria :P

  11. Ti son vicino, io ancor peggio lo scoprii alle elementari durante una lezione di italiano… sniff! :'(

    In ogni caso mi piace sta storia della gens claudia… penso userò quella d’ora in poi!

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: