W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Palle, carta e tende [#51]

Posted by on Dic 16, 2012 in Eddai | 27 comments

Ho fatto un giro tra le cose che avevo segnato, cose che avrei voluto farvi vedere in questi mesi, che avevo messo da parte come si fa con le cose preziose, tipo il plettro del tuo primo ragazzo, l’autografo di Niccolò Fabi dietro un biglietto del treno, robe di questo genere.
La lista è lunghissima, tipo che potrei scriverci almeno una decina di rubrichette, ma tra tutte le cose belle, ne ho scelte dieci. Il resto credo che andrà a riempire le mie bacheche di Pinterest.

1. Odio tutti gli articoli che iniziano con “il Natale è alle porte”, quindi non lo dirò, anche se sta davvero lì lì per bussare. Se non avete ancora fatto l’albero o vi state arrovellando per delle idee di albero alternativo, ma come artisti siete delle ciofeche, su Feeldesain ce ne sono un sacco, anche relativamente facili da fare (sembra, poi ci provi e i tuoi amici ti chiedono cosa ci fa quell’accozzaglia di roba lì nell’angolo). Questi sono i miei preferiti, quello coi tappi di sugherò lo farò, giuro.

DIY-christmas-trees-15  DIY-christmas-trees-16 DIY-christmas-trees-17 2. Però per adesso ho fatto un albero tradizionale, verde con gli addobbi dorati e rossi. No, perché posso ammettere al massimo  un albero bianco, tutti gli altri colori sono aboliti. Il nero, soprattutto. L’albero nero sta bene nei negozi extralusso e nelle case asettiche che trasudano design. Stop. E niente, mi sarebbe piaciuto appendere le Bauballs a uno dei rami del mio albero, ma per fortuna sono sold out.
Per fortuna perché i fondi raccolti con la vendita delle ehm palle, andranno a sostegno di Orchid, che si occupa della lotta contro il cancro dell’apparato genitale maschile. E no, quello non è un cuore capovolto.

bauballs-product

3. Ok, ringraziatemi perché non continuo col Natale fino al punto dieci. Voglio parlare di carta, invece, di libri vecchi, usati e stropicciati. Craig Small ha costruito, per una libreria che vende libri usati a Toronto, il Biblio-Mat, un distributore automatico di libri. Tu inserisci 2 dollari e, al posto di una lattina di Coca-Cola o un pacco di schiacciatine alle olive, ti cade giù un libro. Non puoi scegliere quale, è a sorpresa (e anche questo è il bello).

4. Non è un libro ma un’agenda. Non è neanche un’agenda normale, a dire il vero. Non c’è il santo del giorno, né l’aforisma carico di positività. Ci sono invece le date di morte di gente famosa, le pagine lasciate in bianco, la rubrica dove inserire i nomi delle persone che non ti chiamano mai e di quelle a cui devi dei soldi, e poi il proverbio demotivational settimanale, tipo “Everything happens for a terrifyingly random reason”. Disappointments Diary 2013. Segna, Babbo.

dd13_001dd13_006dd13_004   5. Di carta possono essere anche gli avatar. E non sto parlando di stampare la foto profilo di Facebook. Ammetto che avere un avatar tridimensionale con i miei stessi capelli, gli occhi verdoni e la mia t-shirt preferita mi inquieta un po’, credo che comincerei a parlarci come quelli del video, e diventerebbe l’amico immaginario che non ho mai avuto. Però crearlo è davvero troppo facile perché io non lo faccia. Su Foldable.me lo crei a tua immagine e somiglianza, poi te lo inviano a casa in una busta e tu devi solo montarlo. Uhm, segna anche questo, Babbo.

1670916-slide-step-2-arrives-foldable-me

6. Anche i designer di Well Well Designers ti inviano qualcosa per posta, in una busta. Stavolta si tratta di una lampada. Si chiama Pop-up perché è costituita da un foglio di carta che è tagliato in modo tale da generare un quadrato, un triangolo o un cerchio, se viene posto tra due muri. La carta è ricoperta di un materiale che, ovviamente, non prende fuoco. Quindi DON’T TRY THIS AT HOME, mi raccomando (non vorrei mai essere responsabile dell’ennesima storia natalizia strappalacrime).

Pop-up01 Pop-up02 Pop-up03 7. L’avrete visto altrove, ma se vi è sfuggito ci penso io. Sirene Elise Wilhelmsen ha realizzato un orologio da parete che lavora a maglia ininterrottamente, si chiama Knitting Clock e in 365 giorni realizza una sciarpa lunga due metri. Come rendere fisico e tangibile lo scorrere del tempo. A me il progetto è piaciuto un sacco (ma forse perché non mi hanno mai regalato la maglieria magica).

1_wilhelmsen_365knitting clock_03 Knitting_clock04 8. Siamo decisamente fuori stagione, ma le tende da campeggio FieldCandy meritano un sacco. Tra l’altro, io il campeggio lo odio, preferirei andare a dormire in una camerata di ostello con altri venti irlandesi ubriachi, però queste tende hanno abbandonato i classici blu, grigio, verde e nero e si sono finalmente rivestite di colori accesi e disegni allegri. Voglio quella con la fetta di Emmental, ma c’è anche quella leopardata, per le donne che neanche in campeggio vogliono rinunciare all’eleganzaehm.

tent3

9. Venerdì stavo sorseggiando il caffè in ufficio e mi sono imbattuta in questo video che si intitola “Dumb ways to die”, un po’ come 1000 modi per morire, in onda su Discovery Science. E insomma mi ha svoltato la giornata, e la canzoncina è diventata ufficilamente il mio tormentone del mese.

10. Questo short film, invece, si chiama Quilt e ci ricorda che è meglio tenersi buone le colleghe, soprattutto se hanno quella faccia.

N.B. Prossimamente giocherò a pimp my blog, gli cambio un po’ di connotati, il template, il dominio, cose di smanettare, quindi saranno possibili malfunzionamenti. Ci scusiamo per il disagio e auguriamo buon inizio settimana a tutti. Parlo già al plurale, mi alleno per quando avrò il mio avatar di cartone.

27 Comments

  1. Oooh…finalmente una bella rubrichetta, la domenica ci vuole!
    Ma Cla, poverina la protagonista di Quilt, mica mi aspettavo una cosa simile :-(
    Riguardo a tutti quegli alberi anche a me piace quello con i tappi e trovo assolutamente geniale quell’agenda…cose che solo tu puoi trovare, per l’appunto.
    Aspettiamo il blog con il vestitino nuovo, eh!
    Bacetti!

    • Sempre se non combino casini e cancello tutto! :D
      Bacioni, Miss.

      • Non dirlo manco per scherzo :-(
        Non mi far preoccupare Cla!

        • No, no, non sono proprio imbranatissima, tranquilla :D

        • Contavo sulle tue capacità, Cla…che spavento ;-)

  2. Ma… ma ti sei accorta che il Natale è alle porte? :D

    Bentornata rubrichett!! (e grazie per non aver continuato fino a 10 col Natale… ;))

    E guarda, il Disappointments Diary, se usassi l’agenda e non fossi informatizzato completamente (e anche cloud, tiè) penso che me la comprerei di corsa…

    Tutto bellobellobellobello come sempre, resta la domanda che mi faccio ogni volta che è macomeminchiafaiatrovaretuttastarobba!!!! :lol:

    E sono un cafone ché non ti ho neanche ringraziato del tempo passato insieme, ma quella rivista di cui sapevi prima e poi hai visto il risultato mi ha portato via tempo fatica e tempo. Ah, e tempo. Per cui ora che è passata la buriana, approfitto per ringraziarti come si deve. Sei una persona molto, molto interessante, esattamente come si intuisce da come scrivi e ti poni. Ed è bello non essere delusi nelle aspettative, quindi come potremmo dire, che sei “vera”? E non lo dico alla maniera de “La vita in diretta” o “Pomeriggio 5”, lo dico sul serio. Nella realtà sei esattamente come sei nella virtualità. Ed è stato bello “travasarti” dal virtuale al reale. A riprova che la rete è una risorsa. Preziosa. E conoscersi in rete aiuta a usare meglio il tempo. Perché non ci sono imbarazzi da cisiamoappenaconosciutioddio. Si chiacchiera e si parla come si parla con le persone che si conoscono, perché ci si conosce. E basta. Ecco quegli occhi non me li immaginavo così intensi magari. :) E grazie ancora del libro, è stato molto divertente leggerlo. :)

    • Uh, Max *.*
      Non avresti potuto descrivere meglio quello che ho pensato anch’io, che poi l’abbiamo anche detto, leggendoci si capiscono un sacco di cose, cose che poi vengono confermate davanti a due caffè e un po’ di libri sparsi sul tavolo.
      Gli occhi intensi ti ringraziano, per il tempo che mi hai regalato e la bella chiacchierata.

  3. Ma quante belle cose! Quella della libreria e dell’agenda me le sono segnate

  4. NOAOAOAOAOAOAO le tende sono bellissime, io sono un campeggiatore fanatico e ho insistito per acquistarla bella anche da vedersi ma non sapevo di queste NOAOAOAOAOOA

    • Dai, sai cosa chiedere a Babbo Natale tra qualche anno ;)

  5. La Bauballs…finalmente qualcosa che aiuta anche le malattie maschili. Queste forme di beneficenza le fanno solitamente solo per donne e bambini…

  6. le colleghe non vanno mai d’accordo fra di loro e soprattutto…hanno tutte quella faccia.
    Io scelgo la tendanguria. Ho sempre sognato di entrare dentro un cocomero e sguazzare fra i semini

    • Non è normale che adesso mi sia venuta un’enorme voglia di anguria.
      Mi consolerò coi mandarini.
      Uff.

  7. Gran numero della “rubrichetta”, apparte gli alberi cassonetto in apertura (ammetto che quello coi tappi si salva, ma ho il dubbio che a noi non verrebbe proprio uguale).
    Dumb ways to die l’ho scoperto pure io questa settimana, è grandioso, anche perché è stato prodotto per una campagna sulla sicurezza nelle stazioni metro (credo di Londra), ne sono profondamente innamorato.

  8. Ti adoro Claudiappi

  9. La mia vista da talpone all’inizio non mi aveva fatto capire quale “dumb way” fosse associato alla figurina che danzava con delle cose verdi in mano. Poi ho messo a fuoco la cicatrice altezza reni e il fatto che quelle cose verdi fossero soldi e ho iniziato a rotolarmi in lacrime… Hai ragione, comunque, la musica è cult.
    (p.s. bella la pagina di pinterest: una menzione per le mummie di halloween!).

    • Ma lo sai che anch’io all’inizio non avevo capito? Poi ha avuto lo stesso effetto anche su di me :D
      (grazie, Pinterest non lo uso tantissimo, ma mi piace)

  10. Volevo mettere un “like” ma ho evitato, visto il tuo post su FB!
    Che poi dove le trovi tutte queste bellissime cose (a parte l’orologio uncinetto)?

    • Ah, come si vede che tu non sei reduce da trauma da maglieria magica!
      Comunque ho riso sulla questione del like ;)

  11. Magico knitting clock! Così almeno uno dei regali per l’anno prossimo me lo fa lui ;)
    Bacioni :)

  12. Ma…ma l’albero di natale nero è bellissimo! D:

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: