W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Blogfest e le cose che non si fanno

Posted by on Set 22, 2013 in Me, myself | 28 comments

Questo sarà un post pieno di link, una di quelle cose che proprio non si fanno, perché troppi link distraggono il lettore, se li apre, lo sballottano qua e là e non si raccapezza più, porétto.
Sono stata alla Blogfest, ho ancora la valigia davanti alla porta, ma mi prudevano le mani e dovevo urgentemente raggiungere la tastiera del Mac. La mia prima Bloffèst (per gli amici) l’avevo raccontata qui, uno dei miei soliti post sentimentali, quelli che scrivo quando incontro persone che mi piacciono.

Prendiamo, ad esempio, The Aubergine, lui se ne aspetta un altro, me l’ha proprio detto. Mi ha detto “dai, aspetto il post sentimentale”. E io ho pensato che, in alcuni casi, è proprio bello essere prevedibili. Insieme, abbiamo ascoltato la presentazione del libro di Van Deer Gaz. Van scrive molto bene, è ironico e ride sempre, si vede subito che vive in un mondo tutto suo, non a caso il libro si chiama Il Tensore di Torperterra. Ma anche Lia non scherza. Io non sapevo chi fosse Lia, ma lei sapeva chi ero io, questo è un bel guaio, perché quando poi Lia è venuta da me col suo bellissimo sorriso e mi ha detto “sono Lia!”, io ho avuto un momento di panico in cui ho cercato con tutte le mie forze di non chiederle “Lia chi?” Ma è stato solo un attimo, poi l’ho abbracciata, ma nel parapiglia mi sono dimenticata di dirle che deve tornare a scrivere. Deve.

Può anche capitare, invece, che per puro caso, a una cena, ti sieda vicino a una specie di vulcano a cui piace parlare e raccontarsi e si dà il caso che a me piaccia tanto ascoltare i vulcani, perché io sono più un braciere e allora, nel giro di due minuti, così, boom, manco ci conoscessimo da anni. Cose mica da tutti e mica di tutti i giorni, grande Livefast.

Allo stesso tavolo, un sacco di emilianoromagnoli (così non sbaglio), persone che fortunatamente vedo più spesso, disponibili come Angelo e Michela, fascinosi come Emmeccì, sprezzanti del pericolo come Chiara, amica di luoghi nascosti dietro grosse palme. E Wirta, che merita di essere stalkerata a fin di bene su tutti i social, perché come lei c’è solo lei.

Ho interrotto il sano cazzeggio solo per ascoltare alcune delle persone che stimo di più, fuori e dentro il web. Una di queste è Antonio Pavolini, mio mentore da anni, di cose che c’entrano con il web, ma anche che non c’entrano.
E ho unito ¾ di cazzeggio e ¼ di serietà in un cocktail chiamato satira, con gli amici di Diecimila.me e quelli di Spinoza. Con loro devo sempre trattenermi, per non apparire una specie di essere mitologico metà groupie e metà bimbominkia, ma dentro lo sono tantissimo, sono tutti dei fottuti geni e tutti i cazzocuori dell’internet non bastano.

Lo è anche Purtroppo, che da tempo ama quello che scrivo io almeno quanto io amo quello che scrive lui, anche se poi facciamo finta di non sopportarci e ci coalizziamo solo in discoteca contro la brutta gente che c’è, perché siamo vecchi e a noi ci piacciono i posti da vecchi. Qualche giorno gli chiederò di andare a guardare gli scavi insieme, al tramonto.

Laura e Jenny sono state le mie amiche del cuore per due giorni. La Blogfest è un po’ una gita scolastica e, se avessi dovuto scegliere con chi sedermi negli ultimi posti dell’autobus a sparlare dei maschi e a sentire la musica e a bere di nascosto dalla bottiglia di vodka al melone, avrei scelto loro.

Vecchiogiovine, Fabio, Antonella e Alessiobblà, non è che li metto alla fine perché mi sono scocciata di scrivere e c’ho sonno, no (vabbè, un pochino), ma è che quest’anno è stato diverso anche perché loro hanno fatto la differenza, per me, perché loro sono gli amici di sempre.

Ho dimenticato sicuramente qualcuno, per ogni lamentela potete scrivermi, vi risponderemo appena possibile, ma adesso che sono arrivata alla fine, mi sono resa conto che nella premessa ho fatto un grosso errore. Questo non è mica un post pieno di link, è un post pieno di persone, se le apri, ti sballottano qua e là e non ti raccapezzi più. È uguale, non si fa, ma io adoro le cose che non si fanno.

28 Comments

  1. <3

  2. Cazoguori come se piovesse (perche’, invece, c’e’ ancora il sole)

    • Sole anche qui! ;)

  3. Vodka al melone, vergognati

    • Lo so, Alè, ho sempre avuto gusti dimmerda :D

  4. Che tesoro, Claudiappì!
    Stasera quando vado a vedere i treni porto due sgabelli.

    • Ti mando subito un cartonato ;*

  5. :) :) :) bello

    • Grazie Monica, mi fa sempre piacere vederti. Tu e tuo figlio siete una forza! ;)

  6. Che bello Claudia. Il tuo post, la festa incontrare per la prima volta o di nuovo chi sentiamo vicino.

    • È l’unico motivo per cui vado. È forse anche l’unico motivo per cui sono online :)

  7. Appena mi libero un po’, vado a cliccare su tutti questi link. Un paio li conosco già. Gli altri, se certificati da te, non possono non meritare una visita.
    E chissà che un giorno non possa partecipare anche io alla Blogfest.

    • Devi, almeno una volta. Ma spero di vederti prima dell’anno prossimo :)

      • Allora resta poco tempo. A parte il natale però non so di altri eventi in programma che nascono dal virtuale.

        • Intendevo prima della prossima Blogfest :D

        • E lo so, stavo scherzando…

  8. Bello Cla, incontrare le persone che già si conoscono attraverso la lettura è una bella esperienza! Avrei voluto esserci solo per vedere te e Simone insieme :-)
    Bacioni cara, buon inizio di settimana!

    • Ci siamo divertiti un sacco :)
      E spero di poter cenare anche insieme a te, prima o poi. L’Italia è troppo lunga :)

  9. è che non so altri modi. o ti scaravento me stesso addosso e vediamo cosa succede o niente: ti guardo imbarazzato e accenno un sorriso, l’anno dopo non mi ricordo il tuo nome, il tuo blog rimane una cosa che non leggo.

    • Le vie di mezzo, queste sconosciute :D

  10. E però ti avevo anche detto di non scriverlo che sennò ti avrebbe attirato intorno della gente inquietante. E infatti eccomi.

    • Attiro gente inquietante anche stando zitta, quindi tanto vale…
      Però se fossero tutti inquietanti come lo sei tu, sarebbe un mondo migliore.
      ;)

      • Sarà che ho visto il video della premiazione alla blogfest e lì mostro una faccia fa matto non indifferente…

  11. E’ stato divertente, rifacciamolo presto!

  12. Che poi se non fosse stato per te neanche ci sarei venuta alla blogfest! :)

    • Ma io ero sicura che sarebbe stato bello, perciò ti ho pungolata ;)

  13. Naturaalmente ho aperto tutto, mi piace.
    E anche secondo me Lia deve proprio tornare a scrivere.

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: